In questa pagina

» Cosa vuole la Città Possibile

» Come opera la Città Possibile

» Cosa ha fatto, cosa sta facendo la Città Possibile di Como

Riferimenti

La Città Possibile Como, via Burgo 2/a - 22026 Maslianico (CO)

c.f. p.iva: 02191200134 - cc postale 10873222 Banca Popolare di Lecco sede di Como c/c n. 49 14600w

tel. 0039 31 513109

fax 0039 31 3346361

como [at] cittapossibilecomo.org

Risorse

» Iscriversi

» Organi e cariche

» Statuto

What's new?

» Beppe Reynaud nuovo presidente [16.12.2009]

» Città Possibile: il clip

Associazione

Partecipare, operare

La Città Possibile di Como è costituita da un gruppo di cittadini comaschi che ha sentito l'esigenza di organizzarsi per dare un contributo fattivo al miglioramento dell'ambiente. A questo scopo abbiamo fondato il 15.3.1995 (atto a firma dr. Giuriani, notaio in Como, n. rep. 16249) l'associazione La Città Possibile di Como, sul modello dell'omonima associazione che opera da diversi anni a Torino, attraverso una dichiarazione di intenti firmata da oltre quaranta cittadini nel corso di un incontro pubblico tenutosi a Como il 29.2.1994.

Cosa vuole la Città Possibile

Promuovere un grande processo di partecipazione dei cittadini ai temi della riconquista della vivibilità della città, perché insieme a chi governa si mettano a punto nuove politiche degli spazi urbani ispirate ai principi dell’ecologia urbana. Siamo convinti che la ‘ città possibile ’ sia quella che comunica ai suoi abitanti (donne e uomini, adulti e bambini, giovani e anziani) gioia di abitare, piacere di appartenere a un luogo e a una comunità, possibilità reali di scegliere il proprio ritmo e stile di vita. Vogliamo diffondere questo messaggio culturale attraverso realizzazioni concrete che riguardino la sistemazione e la gestione di spazi verdi, il migliore uso delle aree scolastiche, la realizzazione di nuove condizioni di sicurezza e vivibilità nelle strade, la creazione di nuove occasioni di incontro e di convivialità.

[inizio pagina]

Come opera la Città Possibile

Ci poniamo come primo obiettivo quello di diffondere nuovi stimoli rivolti a quelle forze e alle persone che hanno compiti e responsabilità rispetto alla vita della città e alla crescita della società: responsabili politici e tecnici delle amministrazioni, insegnanti e operatori sociali, e tutti i cittadini.

Promuoviamo e sosteniamo iniziative di associazioni e di gruppi di cittadini per la riconquista di piccoli spazi verdi di qualità, la realizzazione di spazi gioco di concezione ‘europea’, la realizzazione di cortili verdi e giardini familiari, la sistemazione dei cortili scolastici, l’attuazione di interventi di moderazione della circolazione.

Organizziamo seminari, incontri e convegni con esperti della Città Possibile di Torino, di organizzazioni svizzere e francesi, e della Rete della Città Possibile nazionale.

Progettiamo e realizziamo campagne di sensibilizzazione, programmi di progettazione partecipata di spazi urbani; mostre, audiovisivi e materiali di documentazione vari; attività di formazione e viaggi di studio in Italia e all’estero per tecnici, amministratori locali, educatori, operatori sociali e culturali, responsabili associativi e del volontariato; attività di studio, ricerca, progettazione e assistenza tecnica per iniziative locali; concorsi di idee nelle scuole e con le associazioni; azioni di animazione diverse e cantieri di lavoro per far partecipare i bambini, i giovani e gli adulti alla trasformazione del loro ambiente di vita quotidiano.

[inizio pagina]

Cosa ha fatto, cosa sta facendo la Città Possibile di Como

L'elenco sarebbe molto lungo. Potete dare un'occhiata alle pagine:

  • Archivio: i materiali disponibili sul sito sono ordinati per autori, data, località, temi;

  • Portfolio: la sezione del sito che presenta le migliori pratiche dell'associazione.

[inizio pagina]

::: pagina aggiornata venerdì 30 settembre 2011