Altri archivi

» per autori

» per temi

Simboli

Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF » il documento è in formato PDF

Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso » il documento è in formato PDF zippato

What's new?

» Proposte per il Piano di Governo del Territorio del Comune di Como

Archivio

Rassegna stampa

  • Nuova vita per i vecchi lavatoi «Punti informativi e di ristoro»

     «Sei bombolette di vernice spray, una lattina di coca-cola e una di chinotto, galleggiano nelle due grandi vasche dove un tempo le donne risciacquavano i panni. Siamo al lavatoio di via Mincio a Civiglio, divenuto terra di conquista dei graffitari, sempre pronti a scovare, e a riutilizzare alla loro maniera, il patrimonio edilizio dismesso di questa città. Qualcuno si è anche divertito a prendere a sassate i vetri. Mentre il tetto viene giù da solo. Un vero peccato, considerando che «la tipologia di questo lavatoio appare come la più interessante fra quelle ancora esistenti», come sottolineava Lorenzo Marazzi nel suo libro Lavandaie e lavatoi a Como, pubblicato dalla Famiglia comasca nel 2008. A pochi giorni dal referendum sull'acqua, un'altra associazione che da qualche anno si è presa a cuore la sorte di questi storici manufatti, La Città Possibile, torna a sollecitare il recupero almeno di quelli più importanti. A cominciare da via Mincio a Civiglio». Continua a leggere:

    La Provincia, 9 giugno 2011

  • Il canyon di Como chiuso da una frana

  • «Anche Como ha il suo canyon. O meglio, lo avrebbe. Peccato che sia di difficile accesso già in questa stagione, a causa di numerosi alberi caduti e persino di una frana che ha interrotto il percorso a metà. E che tra qualche settimana, complice la crescita incontrollata della vegetazione, diventerà pressoché impenetrabile. Stiamo parlando del tratto alto del torrente Cosia, cui si accede da un sentiero sul lato destro della chiesetta di San Francesco in Ravanera a Camnago Volta. Qui comincia una passeggiata lunga un paio di chilometri, che si sviluppa per la gran parte in territorio del contiguo comune di Tavernerio. I passi sono accompagnati dal gorgoglio dell'acqua, che si lancia in numerose cascatelle e che ha scavato gole profonde fino a venti metri. Una compagnia suggestiva, soprattutto per chi il Cosia è abituato a considerarlo un fiume interrato (sotto la tangenziale), spesso maleodorante (lo sbocco a lago) e mal frequentato (dalle pantegane, che ogni tanto si vedono correre lungo gli argini in via Pannilani). E invece la Valle del Cosia, dalla sorgente sul Monte Bolettone, in territorio di Albavilla, fino a Camnago Volta, passando per Albese e Tavernerio, è ancora vitale. Non per niente dal 1997 un'associazione, La Città possibile, si sta battendo affinché sia riconosciuta e tutelata come Parco locale di interesse sovracomunale (Plis)». Continua a leggere:

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia, 5 aprile 2011

  • Sporca per le feste. Como mai così sciatta

    «Immagini di un Natale comasco privo di senso, soprattutto estetico»: le ha pubblicate sul proprio blog La città possibile, associazione nata per mettere in evidenza come concrete iniziative locali, richieste ed attivate dagli stessi cittadini, possono cambiare una città. In particolare, l'associazione si occupa di ecologia urbana, mobilità dolce, cittadinanza attiva e chissà sotto quale voce archivierà le immagini scattate in questi giorni a Como. Forse sotto la voce «sciatteria» che contrasta con gli addobbi del centralissimo centro, le luminarie a cascata in particolare,  che danno un'aria magica ai luoghi, al calar della sera. E la sciatteria, si sa, non dipende dai soldi a disposizione, dal tempo, dalla cultura: è così e basta, è come il disordine che lasciano i figli in casa, inutile arrovellarsi sui motivi per i quali non chiudono mai il tubetto del dentifricio, dopo averlo usato. C'è solo una cosa da fare: rimettere il tappo e mettere il dentifricio al suo posto». Continua a leggere:

    La Provincia, 16 dicembre 2010

  • Valle del Cosia, si lavora al recupero. Il convegno di Cesano Maderno

    «[...] Come esempio di integrazione fra azione concreta dei cittadini e nuove ipotesi progettuali di carattere scientifico, è stata presentata la tesi di laurea di Laura Tiburzi e Francesca Nava che ipotizza il futuro assetto dell’auspicato “Parco della Valle del Cosia”. L’area ha già visto il recupero come pista ciclopedonale dell’antico tratto tramviario tra Solzago e Tavernerio, grazie all’azione dell’associazione “La città possibile” di Como e all’opera di molti volontari. Allo spontaneo attivarsi della popolazione ha fatto seguito il progetto del Parco, che dall’area di San Martino dovrebbe spingersi fino alle sorgenti del Cosia e che attende l’avallo istituzionale di tutti i Comuni interessati». Continua a leggere:

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF Il Corriere di Como, 26 agosto 2010

  • Viaggio nell’era preindustriale seguendo il corso del Cosia

    «Siamo soltanto a 3 chilometri 234 metri dal centro di Como, come dice una targa sul muro. Qui tutto parla - i muri, le case, gli alberi e, soprattutto, l’acqua - e, a chi li sa ascoltare, racconta come eravamo e da dove veniamo. In questo angolo di città scampato alla cementificazione, e anche agli scarichi delle industrie tessili che poche centinaia di metri più a valle rendono lo stesso corso d’acqua maleodorante e a volte anche multicolore, si concentrano, in pochi chilometri quadrati, tanti segni del nostro passato. E altrettanti tesori del costituendo Parco della valle del Cosia, fin qui tenacemente difeso dall’associazione la Città possibile e solo recentemente riconosciuto dal Comune di Como, che ha avviato il lungo iter per farlo diventare un’area protetta». Continua a leggere:

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 11.7.2010

  • Valle del Cosia, primo passo per il parco

    «Il consiglio comunale di Como ha messo la prima pietra virtuale per la costituzione del "Parco locale di interesse sovracomunale nell’area della valle del torrente Cosia". Primo passo perché adesso bisognerà bussare agli altri comuni, cioè ad Albavilla, Albese e Tavernerio per fare in modo che approvino una delibera analoga e che poi si avvii la procedura». Continua a leggere:

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 5.7.2010

  • Biciclette per tutti in città. Ecco come muoversi gratis

    «Vecchie, recuperate e arancioni: «Biciamo» le regala. Ecco come. In piazza Vittoria c'è una bella bicicletta arancione, ancorata a un palo nei pressi della fermata dell'autobus. L'architetto Alberto Bracchi, uno dei veterani de «La città possibile», giura che non è l'unica e che altre, tutte dello stesso smagliante colore, compariranno da qui al prossimo 15 ...». Continua a leggere:

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 26.4.2010

  • Mobilità sostenibile / Quel che manca a Como è un progetto compiuto

    «L’argomento mobilità sostenibile, comprensiva di piste ciclabili e quant’altro, ogni tanto, torna in auge (La Provincia 02.02.2010). Ed ogni volta sembra partire dal punto zero, ci si guarda intorno sui fallimenti, ci si interroga sul perché di essi e sulle loro cause umane e divine. E le risposte, ogni volta, sono disarmanti: Como non è Ferrara, non c’è il mare né la salsedine e al posto degli sgombri si pescano trote e pesci persici, Como non è la riviera romagnola, non è la Siberia con steppe infinite senza dislivelli ma non è neanche Amsterdam, non è Trento, Bolzano né Parma». Continua a leggere la lettera di Igor Fasola a La Provincia:

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 7.2.2010

  • La passeggiata cancella anche le biciclette. L’associazione: vogliamo piste ciclabili.

    «Una città meno ciclabile è anche una città meno turistica. "Purtroppo il nuovo lungolago non sarà a misura di bicicletta. Dall’idea che ci siamo fatti non sarà agevole pedalare sulla nuova passeggiata, anche perché in parte risulterà inclinata, pendente verso la strada". Questa una delle critiche al progetto delle paratie mossa da Lorenzo Spallino nella conferenza di ieri mattina in cui l’associazione La Città Possibile di Como ha presentato le sue osservazioni e proposte per il Piano di governo del territorio (Pgt). Tre i punti principali dell’ampia e dettagliata relazione che l’associazione intende presentare al Comune per la predisposizione dello strumento urbanistico e territoriale che sostituirà il vecchio Piano regolatore». Continua a leggere:

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 2.10.2009

  • Perché Andrea e Danny non siano morti invano

    «Ancora due ragazzi che lasciano la vita su una delle nostre strade. La strage continua, anche Andrea e Danny saranno parte di quelle 5000 persone, uomini, donne, anziani, bambini, ma soprattutto ragazzi e utenti deboli della strada, come pedoni e ciclisti, che le statistiche ogni anno ci ricordano come vittime degli incidenti stradali. E di questi la maggior parte (oltre il 70%) perde la vita sulle strade urbane». Continua a leggere:

Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 7.7.2009

  • I giornalisti bocciano i politici comaschi: «Lecco conta di più»

    «(mi.sa.) Una politica incapace di portare i problemi di Como nei veri centri decisionali e incapace, quindi, di ottenere le risorse necessarie per risolverli. È tutt’altro che lusinghiero il giudizio sulla classe politica comasca emerso dal dibattito andato in scena ieri pomeriggio all’Osteria del Gallo, l’ultimo del ciclo «Uno, dieci, cento Como» organizzato da «La città possibile». Relatori dell’incontro, dedicato proprio ai futuri scenari politici e ai rapporti tra mondo politico e informazione, sono stati i giornalisti Francesco Angelini (de «La Provincia»), Alessandro Sallusti («L’Ordine») e Gianpaolo Rosso («Ecoinformazioni»)».

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 9.5.2009

  • Como ritorna negli anni Sessanta, almeno a giudicare dai numeri resi noti dall'ufficio statistica del Comune

    «Como ritorna negli anni Sessanta, almeno a giudicare dai numeri resi noti dall'ufficio statistica del Comune. I dati sulla popolazione, sui nuovi residenti e sull'inflazione relativi al 2008 risultano infatti identici a quelli di quarant'anni fa. Una curiosità, ma anche uno spunto di riflessione, tanto che se ne è discusso a lungo in occasione del secondo incontro del ciclo «Uno, cento, mille Como», organizzato da La Città Possibile».

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 8.3.2009

  • Politica assente. E il centro città invecchia.

    «Como non attrae forze produttive, quindi invecchia e si svuota sempre più». L'allarme è stato lanciato ieri, nel corso del primo dei quattro incontri organizzati da La Città possibile per discutere sul futuro del capoluogo.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 14.2.2009

  • Se Bruni non ci crede, chiuda «Agenda 21»

    «Preg.mo direttore, la "Big Pause" di Agenda 21 Como: il signor Menegon, che è persona garbata, ci offre, nella sua lettera pubblicata il 3 gennaio questa efficace immagine per definire il lungo periodo di letargo in cui sono caduti tutti gli attori di questo grande processo partecipativo molto poco partecipato» La lettera di Cesara Pavone a La Provincia su Agenda 21.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 13.1.2009

  • Cambiare la città si può. Il futuro passa da qui

    «La Como che si trasforma», è il titolo della tavola rotonda organizzata per venerdì 13 febbraio dall’associazione La città possibile e dalla cooperativa Prospettive, in collaborazione con l’Accademia delle arti e dei commerci Santa Giuliana.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 7.1.2009

  • Cosia, un secolo di storia. Ma il parco resta al palo

    Cento anni di storia e un futuro ancora incerto. È la situazione in cui versa il Parco della valle del Cosia, che ormai da un decennio viene definito "di prossima istituzione", ma che invece continua a non vedersi riconosciuto lo status di Plis (parco locale di interesse sovracomunale) sollecitato dai volontari della Città possibile impegnati nel faticoso recupero di questo prezioso polmone verde tra i comuni di Como e Tavernerio [...]

    La Provincia 29.12.2008

  • AAA scuole comunali vendesi

Al vaglio cinque immobili. La Città Possibile: «Ma non alienate via Binda»

Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 2.12.2008

  • Una città triste a misura di traffico

    Non c’è spazio per gioco e biciclette. Maschio, adulto e motorizzato: l’identikit, secondo «Biciamo», di chi vive bene a Como.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 22.9.2008

  • Progettare e comunicare

    «Un sito, quattro blog, molte immagini e approfondimenti: l’associazione La città possibile non si fa mancare nulla in termini di comunicazione on-line». Un articolo di Ecoinformazioni sulla comunicazione di Città Possibile, a firma Greta Pini.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF Ecoinformazioni, maggio 2008

  • Basta torri e grattacieli, meglio pensare al turismo. E al lago finalmente pulito

    «Fioriscono le proposte perché in vista dell’Expo 2015 Como "si alzi sui pedali e punti a un traguardo di assoluta eccellenza". Al tempo stesso, si ammonisce, nessun obiettivo sarà raggiunto se verrà lasciato spazio al Partito del No. Contagiati da questo ribollire di progettualità anche noi, come il Marinetti amante della velocità che estratto dal fossato per aver evitato due ciclisti è un uomo nuovo, vorremmo cambiare registro e iscriverci, senza indugi, al Partito del Sì» L'articolo di Lorenzo Spallino su La Provincia.

    pdf La Provincia 17.5.2008 (file type pdf, 113 KB)

  • Lavatori ^info point^

    I lavatoi possono - anzi devono - diventare punti di informazione ed educazione ambientale sul tema dell’acqua, del verde fruibile e della memoria dei luoghi. Il primo passo è stato fatto ieri dall’associazione La Città possibile. Un gruppo di volontarie, capitanate da Cesara Pavone, ha posato la prima “targa” all’esterno di quello di via alla Guzza.

    pdf La Provincia 11.5.2008  (file type pdf, 101 KB)

  • Un dossier firmato da «La Città possibile» sui rischi di urbanizzazione nell'area dell'ex ospedale Sant'Anna

    «Il ^paese Sant'Anna^ che sorgerà sull'area dell'ospedale, avrà un impatto sul resto della città. Ma nessuno l'ha ancora verificato. È una delle osservazioni dell'Associazione ^La città possibile^, chiamata dal Comune, con altre, ad esaminare la valutazione ambientale strategica, Vas, sulle trasformazioni urbanistiche, edilizie, paesaggistiche, umane e naturali conseguenti agli interventi sul comparto Sant'Anna e sul comparto G. B. Grassi».

    pdf La Provincia 15.4.2008  (file type pdf, 154 KB)

  • «Due blog per il parco del Cosia e i lavatoi - La loro salvezza passa attraverso Internet»

    «Due nuovi blog tematici. Dopo aver messo online, poco più di un mese fa, quello dedicato all'iniziativa «Biciamo!», l'associazione «La Città possibile» negli ultimi giorni ha scelto questa forma di comunicazione per affrontare altri due argomenti: il progetto di creazione del Parco della Valle del Cosia e quello per il recupero dei lavatoi presenti in provincia di Como. Entrambi i blog contengono aggiornamenti sulle attività, riflessioni e sondaggi e vogliono rappresentare un modo semplice e veloce per informare gli utenti e per dialogare con loro».

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia, 10 marzo 2008 (file type pdf, 130 KB)

  • «Trasformiamo la valle del Cosia in un parco» Ieri cento comaschi sulle tracce della tranvia per Erba inaugurata un secolo fa

    «Nella entrante settimana la società elettrica Volta incomincerà la posa dei binari per la costruenda tranvia per Erba». È il 13 maggio 1911, le pagine de «La Provincia» annunciano l’inizio dei lavori per la realizzazione della linea tranviaria Como-Erba-Lecco. Ieri, dopo quasi un secolo, oltre cento comaschi ne hanno riscoperto il primo tratto. Quattro passi per sostenere un progetto: la creazione di un parco sovracomunale nella valle del Cosia, dalla sorgente fino alla città.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia, 3 marzo 2008 (file type pdf, 120 KB)

  • In 1800 chiedono piste ciclabili. L'assessore Caradonna: «Non se ne parla»

    "Ieri i volontari della Città possibile hanno consegnato a Palazzo Cernezzi la petizione sottoscritta da numerosi comaschi. Ma l’assessore Caradonna non lascia speranze al popolo delle bici: «Non esistono le condizioni per creare dei percorsi»".

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia, 8 dicembre 2007 (file type pdf, 149 KB)

  • «Trasformiamo in un parco la Valle del Cosia: l’associazione Città Possibile punta anche alla valorizzazione dei lavatoi storici»

    (d.al.) «Creare il Parco della Valle del Cosia e recuperare i lavatoi comaschi. Sono queste i primi due progetti di immediata realizzazione proposti dall’associazione Città Possibile che ieri, come ogni anno, ha presentato e spiegato le nuove idee per migliorare la qualità della vita a Como. Il primo obiettivo punta a istituire un parco di 187 ettari di aree verdi con 12 chilometri di sentieri, 8 chilometri di corsi d’acqua tra Como, Tavernerio e Lipomo ...»

     Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 1 dicembre 2007 (file type pdf, 130 KB)

  • Mille firme per le piste ciclabili

    Nuovo appuntamento, ieri a Porta Torre, per “La Città possibile” e la sua campagna di raccolta firme - giunta a quota 1.000 - per chiedere al Comune un piano della mobilità ciclabile.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 18 novembre 2007 (file type pdf, 109 KB)

  • Il fenomeno SUV: lettera a La Provincia

    «Cara Provincia, il Sig. Curtoni, nel pezzo di domenica 13, ha espresso perfettamente lo stato d’animo che provo anch’io quando incontro un SUV, una sorta di odio. Voglio tentare però di incanalare il sentimento di odio in una, seppur breve, analisi del problema, dato che da anni mi occupo di moderazione del traffico, di ciclabilità, di qualità urbana, di accessibilità della città e di difesa degli utenti deboli. Perché di un problema serio si tratta e come tale va affrontato. Nei giorni scorsi ho provato a contare ripetutamente, nei percorsi principali che frequento, 100 auto, ho provato e riprovato: la percentuale di Suv si attesta tra il 10 e il 15%. I dati di crescita poi delle vendite parlano di un 30% in più nell’anno in corso (Nota bene: prezzi correnti dai 35 mila euro in su). Se andiamo avanti così la città sarà davvero invasa dagli ippopotami (fossero quelli veri …)...». Il testo della lettera di Alberto Bracchi a La Provincia e il commento di Angelo Curtoni.

    blogger E' doveroso arginare  il fenomeno SUV [La Provincia del 18 ottobre 2007]

  • «Biciamo! in 150 alla pedalata della Città possibile»

    «Sono partiti in 100 e arrivati in 150: parliamo dei comaschi che ogni giorno utilizzano la bicicletta e che ieri - ma era solo una rappresentanza - hanno preso parte a “Biciamo”, iniziativa promossa da La Città Possibile. Scopo della manifestazione, che ha visto crescere il numero dei partecipanti strada facendo - in tutto 10 chilometri con partenza e arrivo a Porta Torre -, sensibilizzare i cittadini all’utilizzo dei pedali e raccogliere firme per chiedere agli amministratori un piano della mobilità ciclabile entro il prossimo triennio e la formazione di un gruppo di lavoro con l’ufficio biciclette del Comune. Chi non ha potuto partecipare al raduno di ieri può firmare online sul sito www.cittapossibilecomo.org.». La Provincia del 26 settembre 2007.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 30 settembre 2007 (file type pdf, 132 KB)

  • «Como nemica delle biciclette? Biciamo di no»

    «È in programma per sabato (ore 16 a Porta Torre) una biciclettata organizzata da «Biciamo», l’iniziativa varata lo scorso anno dall’associazione «La città possibile» con l’adesione di Legambiente e con l’obiettivo di promuovere diffusione e utilizzo, a Como, delle due ruote. ... Si chiedono azioni concrete e tempi certi per: «L’approvazione entro sei mesi di un Piano della mobilità ciclabile e la formazione di un gruppo di lavoro Biciamo - Ufficio biciclette del Comune di Como che, con il sostegno della Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) possa contribuire alla redazione del piano». A questo proposito, l’ufficio stampa di Palazzo Cernezzi ha chiarito come l’Ufficio biciclette stia preparando un rapporto sull’attività svolta nel corso del suo primo anno di vita e come sia, anche, in corso di preparazione un censimento della popolazione "ciclistica" della città. In sostanza, il Comune vuole capire quanti siano i residenti a due ruote per indirizzare eventuali interventi ...». La Provincia del 26 settembre 2007.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 26 settembre 2007 (file type pdf, 133 KB)

  • «Prima del motore accendiamo anche il cervello»

    «Si è appena svolta la sesta edizione della Settimana Europea della Mobilità sostenibile, che porta il sottotitolo «Le strade alla gente»: una kermesse che, a livello nazionale, tenta di rendere più piana, piacevole, e sicura la vita del cittadino moderno, in perpetua lotta con un tempo ed uno spazio che sembrano sempre mancare ...». Su La Provincia del 26 settembre 2007 l'intervento di Alberto Bracchi.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 26 settembre 2007 (file type pdf, 133 KB)

  • «Rifondare il senso civico per salvare il territorio»

    «Ho letto con grande interesse il recente intervento dell’avvocato Antonio Spallino in merito alla devastazione del paesaggio del nostro territorio che negli ultimi anni ha avuto una - prevedibile - accelerata. Si è richiamata con grande profondità la matrice etica dell’amministrazione dei beni della collettività, e quindi si è parlato principalmente di chi ha delle responsabilità istituzionali in merito: i sindaci, gli assessori, i legislatori, i controllori. Il testo mi suscita alcune considerazioni complementari. ... ». Su La Provincia del 19 settembre 2007 il testo integrale dell'articolo di Marco Castiglioni.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 19 settembre 2007 (file type pdf, 103 KB)

  • «I Verdi comaschi, Blair e le carpe nel Tamigi»

    «Signor direttore, nel leggere, con un certo disagio le confesso, il suo editoriale la risposta a Ermanno Pizzotti colgo una sorta di astio nella definizione di quelle persone che, impegnate sui temi ambientali, vengono definite ^Verdi^. Siamo sempre stati convinti che, al di là dell'appartenenza a un partito, essere Verdi o ambientalisti (altro termine spesso abusato in senso spregiativo), vuol dire credere e combattere per un mondo che sicuramente potrebbe essere migliore, mettere l'ambiente e gli uomini che ci vivono al centro dei nostri ideali. ... ». Su La Provincia del 18 settembre 2007 il testo integrale della lettera di Alberto Bracchi e il commento di Giorgio Gandola.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 18 settembre 2007 (file type pdf, 113 KB)

  • «C'è chi userebbe la bicicletta: vogliamo dar loro una mano?»

    «Su La Provincia di mercoledì 5 settembre una lettera, a firma Brigida, segnala la necessità di stazioni per il ricovero delle biciclette collocate nei pressi delle stazioni ferroviarie della città (nel caso specifico Como-Borghi), anche per prevenire il fenomeno di furti ed atti vandalici in diffusione nella nostra città ...». Su La Provincia del 14 settembre 2007 il testo integrale della lettera di Marco Castiglioni e il commento di Pier Angelo Marengo.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 14 settembre 2007 (file type pdf, 115 KB)

  • «Città possibile, torna Spallino»

    «Nei giorni scorsi si è tenuta svolta l’assemblea elettiva della Città Possibile. Il nuovo consiglio direttivo risulta composto da Cesara Pavone, Cecilia Rusconi, Marco Castiglioni, Lorenzo Spallino, Ines Angelillo, Danilo Lilia e Alberto Bracchi. Quale consigliere anziano, Cesara Pavone ha convocato la prima riunione del consiglio dell’associazione, che si è tenuta sul blog di Città Possibile (http://www.cittapossibile.blogspot.com). Il consiglio ha eletto presidente Lorenzo Spallino, che, succedendo a Angelo Vavassori, torna così a occuparsi a tempo pieno dell’associazione»

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 4 luglio 2007 (file type pdf, 371 KB)

  • «Decidere e comunicare: una questione culturale»

    «In quanti modi è possibile declinare la parola partecipazione? Molti. Alcuni, come le accezioni legate al volontariato, ispirano sentimenti positivi. Altre, legate al territorio, vengono lette con sospetto, per i rischi che si immaginano connessi alla moltiplicazione dei soggetti decisori». In un articolo pubblicato dal quotidiano comasco La Provincia, Lorenzo Spallino, presidente di Città Possibile sino al 2003, rispolvera i principi comunicativi della partecipazione, a partire dallo studio dell'USPEL "Le ragioni della partecipazione nei processi di trasformazione urbana". Si parla di parcheggi, ma dietro c'è il consueto meccanismo del ^decidi-annuncia-difendi^.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia del 22 gennaio 2006 (file type pdf, 156 KB)

  • «La sicurezza stradale è un obiettivo raggiungibile se si lavora insieme»

    «Siamo tutti cittadini, tutti pedoni e tutti automobilisti. Ma sulla strada non siamo tutti uguali. Ci sono utenti deboli ed utenti forti che si possono trasformare in vittime e a questo punto non so quale altro termine usare, se il presupposto è l'involontarietà e la responsabilità»: lettera aperta di Angelo Vavassori.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 13.5.2005 (file type pdf, 311,62 KB)

  • Un successone. In centro città «Biciamo» più che volentieri

    Ieri pomeriggio, si è rivelata un grande successo di partecipazione la seconda «Biciamo», la biciclettata popolare aperta a tutti - e comprensiva dei «cartoncini nei raggi», a ricordo di una vecchia canzone dei Gufi - organizzata dall’associazione La città possibile e scattata alle 16 da Porta Torre.

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 8.5.05 (file type pdf, 347,56KB)

  • Viaggio nella città vietata ai disabili

    Dal cimitero ai servizi sociali: 68 luoghi inaccessibili a Como per chi si trova su una sedia a rotelle. In centro sono soltanto due i negozi che si sono dotati di una rampa montata su richiesta. Alberto Bracchi, architetto: «Mai attuato il piano in vigore dal 1996».

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 28.4.05 (file type pdf, 150,04KB)

  • Parco della Valle del Cosia

    "La Città possibile è alla ricerca di altri finanziamenti per sistemare i sentieri e attrezzare il percorso con panchine e aree gioco Valle del Cosia, il nuovo parco rimane senza fondi Non figurano a bilancio i 35mila euro promessi dal Comune. «Ora rischiamo di perdere pure i 45mila della fondazione»".

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia 27.3.2005 (file type pdf, 166,72KB)

  • La valle del Cosia diventa un parco

    Museo nel mulino. Nel polmone verde a pochi passi dal centro anche l’incontro con una struttura vecchia di secoli.

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso La Provincia, 8.11.2004

  • Vedano Olona - Encomio dell'Unicef

    Invasione di bambini al parco giochi progettato dai piccoli - La manifestazione rientrante nel progetto di costruire una città a misura di bambino. Encomio dell'Unicef al primo cittadino Andrea Larghi

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso Varese News, 5.5.2004

  • 10 anni di città possibile

    Molti i progetti nel decennale d’attività: dal verde a lago alle barriere architettoniche Città possibile punta sul turismo di confine

    Logo Acrobat: indica che il documento è in formato PDF La Provincia, 5.2.2004

  • «Città Possibile» in assemblea

    Si elegge il nuovo presidente

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso La Provincia, 21.11.2003

  • «Zona stadio, via auto e parcheggi»

    Presentato il progetto per ridisegnare la fascia a lago, di giorno invasa dalle auto e di notte regno di sbandati. Il sindaco Bruni: «Una proposta interessante»

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso Corriere di Como, 20.9.2003

  • Nuovo parco per le elementari

    La Città Possibile diventa realtà a Ponte Chiasso / Spallino: prossimo intervento in via Brambilla»

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso La Provincia, 28.6.2003

  • «Posteggi alle mura da bocciare»

    Secco «no» da Città Possibile, consulente di palazzo Cernezzi per strade e giardini

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso La Provincia, 28.11.2002 

  • Lavori pubblici a Como

    Al via il progetto del settore giardini del Comune: le elementari di via Brogeda lo scoglio maggiore / Si rifà il verde dei cortili di 6 scuole cittadine. 

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso La Provincia, 13.9.2002 

  • Sotto l’assedio di 100 mila auto

    Gli ultimi allarmanti dati del Comune ieri in un convegno della Città Possibile sulla mobilità ciclo-pedonale / E’ salito del 18% il numero dei veicoli che ogni giorno entra in città

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso La Provincia, 26.5.2002 

  • Vedano Olona: incontro sul verde pubblico

    L'amministrazione comunale ha organizzato un incontro pubblico per discutere il futuro del verde in città  Migliorare il verde pubblico con l'aiuto dei cittadini

    Logo ZIP: indica che il documento è in formato compresso Varesenews, 12.3.2002 

::: pagina aggiornata venerdì, 30 settembre 2011